Furbetti del cartellino condannati per danno d’immagine